Qualche consiglio di progettazione per la vostra prima app – Parte 1/2

Alzi la mano chi di voi non ha pensato, almeno una volta, di avere in tasca l’idea per l’app del secolo.

Improvvisamente, un giorno, un’idea geniale vi è balenata in testa e vi ha convinto che possa essere strepitosamente attraente per il grande pubblico.
Benissimo! E’ arrivato il momento di fermarsi un attimo. Occorre procedere un passo alla volta, definendo il progetto più approfonditamente in ogni sua sfumatura.

Il time-to-market non si può ignorare, quindi teniamo sempre bene in evidenza le linee guida della nostra nuova “creatura”, almeno una volta al giorno, cercando di non discostarcene mai.

Gli errori sono sempre dietro l’angolo, e quelli grandi si pagano a caro prezzo: si arriva secondi sul mercato, nel caso migliore; si fa una pessima figura (con relativo danno di immagine), in quello peggiore.

Create un diagramma di flusso
Non importa quanto sia complessa la vostra app. Prendete una matita e dei fogli bianchi. Cercate subito di immaginare tutte le possibili combinazioni di navigazione che l’utente potrebbe trovarsi ad affrontare. Non tralasciatene nemmeno mezza. Tutte le schermate della vostra app, anche le più remote, dovranno trovare posto in questa rappresentazione. L’obbiettivo è quello di farvi capire esattamente come dovrà risultare l’app nel suo insieme, e di poterne gestire i successivi test senza la paura di avere delle pagine “figlie di nessuno”. Se fate un buon lavoro, non vi perderete mai tra le schermate e potrete meglio scoprirne le eventuali difficoltà di navigazione.

Design e funzionalità
Valutate attentamente il design della vostra futura app, ma sempre in parallelo con le funzionalità attese. In questa fase, il design e le funzionalità sono in stretta correlazione causa-effetto. Ciò significa che una sola modifica (anche la più piccola) nel primo può ricadere sulle seconde con portata significativamente maggiore. Allo stesso modo modifiche a livello strutturale possono costringervi a ritoccare il design che avevate tanto faticosamente definito e rifinito. Tutto questo non deve farvi dimenticare che l’utilità dell’app viene prima del suo design: quest’ultimo dovrà sempre cambiare sulla base delle funzionalità, mai viceversa. Per la progettazione iniziale della UI potete affidarvi a comodi stencil, ideati appositamente per la progettazione mobile.

Bassa risoluzione e immagini bitmap
Utilizzate fin da subito foto ad alta risoluzione, soprattutto dopo l’arrivo del display Retina su iPhone e iPad. In ogni caso ridurrete sensibilmente l’obsolescenza della vostra app, in un mondo nel quale la risoluzione degli schermi dei dispositivi mobili evolve alla velocità della luce. All’occorrenza potrete ridurle di qualità, cosa che non potete fare in senso inverso. Evitate quindi le immagini rasterizzate (es. in formato bitmap), privilegiando sempre i formati vettoriali. Questo non vuol dire, però, che vi conviene sempre infarcire l’app di schermate ad eccessiva densità di pixels, altrimenti faticheranno a caricarsi, rallentando la navigazione all’utente. Eseguite dei test realistici direttamente sui dispositivi interessati, e vi renderete subito conto se alcune zone risultino lente o poco usabili a causa della eccessiva risoluzione delle immagini che avete utilizzato.

Dimensione e distanza dei pulsanti
Fate testare il click su tutti i pulsanti della vostra app, ai vostri amici o parenti. Sono sicuro che anche ad utenti esperti come voi sia capitato, almeno una volta, di non riuscire a premere un minuscolo pulsante in un’app, riuscendoci solo dopo qualche maldestro tentativo. E’ necessario creare pulsanti medio grandi, tenendo conto della dimensione media di un indice umano (circa 1,5 – 2 cm), per permettere un “tap” semplice e funzionante al primo colpo. Le “gestures” più diffuse vengono sempre eseguite con velocità, e per il vostro dito non è semplice toccare con precisione un’area di piccole dimensioni. Non sottovalutate anche la distanza tra un pulsante e l’altro: per evitare di cliccare quello sbagliato, magari perchè troppo vicino a quello desiderato, teneteli a debita distanza.

Sembrano banalità, ma vi assicuro che la mancata soddisfazione di un utente passa soprattutto da queste piccole cose.

[fine prima parte]

Parte 2/2

Loading Facebook Comments ...
1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] con il piede giusto, evitando di tornare indietro e rifare le cose troppe volte.Buona app a tutti!Parte 1/2(function(){var […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *