Come scegliere un team di sviluppo esterno

Quando le aziende intendono affidare la realizzazione di un progetto software in outsourcing ad un team di sviluppo esterno, generalmente chiedono un preventivo di spesa per scegliere il fornitore.

Una delle tecniche usate per la richiesta di preventivo è la RFP (Request for Proposals), in alcuni casi necessaria per policy aziendale, nella convinzione che sia un modo efficace di scegliere il miglior fornitore.

Nel tempo ho letto molte RFP, tuttavia quasi sempre ho potuto verificare che sono realizzate in modo tale da produrre gli effetti opposti a quelli che il cliente desiderava ottenere, per questo motivo ti spiegherò un metodo più efficace per scegliere un fornitore di sviluppo software.

Mentre la maggior parte delle richieste di preventivo sono focalizzate sul software da costruire e sui costi, penso che sia meglio concentrarsi sul fornitore e il suo team di sviluppatori, scegliendo il migliore e lavorando collaborativamente con loro per costruire il miglior progetto possibile.

Continua a leggere

Le tre cose che un imprenditore digitale deve fare bene: idea, esecuzione e cultura

Gli imprenditori digitali devono far bene almeno tre cose per ottenere un successo sostenibile per la loro azienda: idea, esecuzione e cultura, con tutto ciò che sta dietro a queste parole.

Spesso si parla solo delle prime due parole chiave, tuttavia penso che la terza sia altrettanto importante.

Le grandi imprese nascono con una visione che ispira le persone. Ad esempio, l’idea dietro Innomatic è che ci sono modi migliori per generare e diffondere valore con il software in un oceano blu di opportunità. Questa convinzione è rimasta solida fin dal primo giorno nonostante in circa 15 anni il servizio si sia evoluto.

L’idea però non è tutto: è un piccolo moltiplicatore rispetto al valore dell’esecuzione. Un’idea geniale senza esecuzione rimane… un’idea; un’idea appena sufficiente con un’esecuzione grandiosa può valore milioni.

Continua a leggere

Cosa sono Google AMP, Facebook Instant Articles e Apple News e cosa significano per gli editori digitali

In questi ultimi mesi è in corso una rivoluzione nella distribuzione dei contenuti mobile guidata da giganti quali Google, Facebook e Apple, che sempre di più stanno rafforzando (o acquisendo nel caso di Apple) la loro posizione di canale con il quale fare i conti nei confronti dei publisher.

Questi cambiamenti portano a modi nuovi e innovativi di diffusione dei contenuti, lasciando gli editori in una corsa continua nel cercare di rimanere alla pari.

Sebbene le intenzioni dichiarate siano quelle di migliorare l’esperienza utente con un caricamento delle pagine da mobile molto più veloce tramite formati ottimizzati e strumenti appositi, è chiaro che il loro intento è quello di ampliare la loro quota di mercato nell’advertising da mobile e di legare sempre più gli utenti che usano le loro piattaforme: questo è un altro fattore da tenere in considerazione nella propria strategia di monetizzazione.

Continua a leggere

Git Flow – Un modello di branching per git che funziona

Continua a leggere

La pubblicazione di contenuti con eZ Publish su siti ad alto traffico

Se dovete realizzare nuove soluzioni digitali ad alto traffico o comunque critiche per il business, assicuratevi di utilizzare alla base tecnologie che consentano di essere configurate e sviluppate appropriatamente per scalare quando necessario.

Non fatevi intrappolare da strumenti che seppur molto noti e diffusi pongono seri limiti alla crescita e comportano tempi e costi elevati per essere adattati.

Ad esempio, il CMS eZ Publish contiene funzionalità avanzate che possono essere attivate in tempi rapidi come la pubblicazione asincrona.

E’ vero che sono richiesti degli specialisti per governare simili tecnologie ma i benefici per il business sono molto elevati.

Continua a leggere