L’importanza del collective ownership in un team agile

Programmare in XP è come lo sviluppo con poche pratiche e concetti in più, per esempio i test automatizzati. Comunque come tutto il resto lo sviluppo con XP, a differenza di come può sembrare, è semplice. Ogni concetto di esso è abbastanza semplice a dirsi, tuttavia è metterlo in pratica che diventa più difficile; oltretutto, sotto pressione le “vecchie” tecniche riaffiorano.

Tra alcuni dei concetti come il continuous integration, che riduce i conflitti e pone fine a incidenti e come il pair programming che ha una forza unificatrice nello sviluppo, troviamo il concetto di collective ownership che incoraggia tutto il team a rendere migliore l’intero sistema.

Indubbiamente viene da pensare che sia pericoloso dato che ognuno potrebbe cambiare ogni parte di codice del sistema in ogni momento; oltretutto se non ci fossero i test sarebbe ulteriormente rischioso. Perciò a rendere sicuro il processo vi è la rete di valori strettamente legati di continuous integration, sviluppo guidato dai test, refactoring, small-releases, etc. come in figura.

Uno degli effetti del collettive ownership è che il codice troppo complesso non sopravvive a lungo, perché essendo tutti abituati ad esaminare il sistema, tale codice sarebbe trovato prima o poi e quindi semplificato – tale semplificazione di solito funziona, altrimenti il codice verrà rimosso. Oltretutto, sapendo che tutti prima o poi vedranno il tuo codice, si è spinti a pensarci due volte prima di mandare un codice inutilmente complesso.

Il concetto di proprietà collettiva tende inoltre a diffondere la conoscenza di tutto il sistema nel team riducendo ulteriormente i rischi in un progetto.In conclusione, tutto ciò aumenta la sensazione in ognuno di noi di essere importanti nei progetti del team, divenendo concetto basilare dell’agile.

Tratto da “Extreme Programming Explained” di Kent Beck.

Loading Facebook Comments ...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *